Mandorla italiana a Parigi? Amore a prima vista

Cosa che accomuna italiani e francesi?
So a cosa state pensando, ma non è la passione (se così si può dire)per il calcio!
Non ci credereste mai ma sono le mandorle!

La pasticceria francese, come quella italiana, vanta una lunghissima tradizione dolciaria dove le mandorle sono l’ingrediente principale. Basti pensare ai macaron!
La ricerca di una mandorla di alta qualità, dalle qualità organolettiche molto peculiari, è stata la scintilla tra noi e Lucie Boursier-Mougenot, chef di Pétrelle, bistrot parigino noto ai più grandi artisti internazionali da Lady Gaga ai presidenti francesi.

É stata proprio la profonda cura nella ricerca delle materie prime che  ha spinto Lucie ad introdurre nella sua cucina le nostre mandorle che usa come ingrediente creativo.

Un gusto che conquista il mondo

Tra tutti i tipi di mandorle italiane, perché la chef di un ristorante, la cui fila d’attesa per la prenotazione di un tavolo è molto impegnativa, ha scelto la varietà Filippo Cea?
A conquistarmi è stato il loro gusto elegante e burroso. E poi c’è quella croccantezza che amo molto…” ci dice Lucie in un nostro incontro.

Le mandorle diventano vere “pennellate” su creazioni culinarie sempre più autentiche opere d’arte.
Mantenere inalterato il gusto della mandorla non è semplice, ma noi ci riusciamo, come?
I mandorleti sono coltivati sui terreni di famiglia e vengono curati quotidianamente. Le mandorle vengono raccolte rispettando la stagionalità del frutto e lavorate a mano a bassa temperatura. Grazie a questo processo di lavorazione, non servono coloranti, ne conservanti per mantenerle gustose e fresche.

I sapori autentici sanno emozionare

Il nostro incontro con Lucie Boursier-Mougenot di Pétrelle ci ha insegnato tanto.
Per prima cosa l’abbattimento dei luoghi comuni: ogni paese ha una sua identità gastronomica ma è sempre aperto a conoscere altro.
In secondo luogo la memoria gustativa, come quella olfattiva, è importantissima. Gustare le nostre mandorle è stato per Lucie un salto nel tempo, un sapore che le ha ricordato l’autenticità di gusti semplici ma incisivi.

E allora lì abbiamo capito tutto: la potenza del gusto non ha confini ed il nostro sogno di portare ovunque l’idea della tradizione italiana, con il suo bagaglio di valori, diventa sempre più una realtà concreta.